Copertine che hanno accompagnato gli italiani nel tempo e che oggi sono un patrimonio: a disegnarle Achille Beltrame e Walter Molino nell’arco di un cinquantennio (1908-1958), i cui lavori vengono presentati insieme ad una selezione di materiali pubblicitari d’epoca dedicata alla pasta, regina della tavola italiana esportata e apprezzata nel mondo.

La mostra che anticipa la quarta Settimana della Cucina Italiana è uno degli eventi di rilievo della XIX Settimana della Lingua e della Cultura Italiana nel Mondo, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura in Slovacchia. Le opere esposte provengono dalla collezione Michele Rapisarda, composta di circa 14.000 carte illustrate di uso quotidiano dal Seicento al Novecento, in ampia parte imperniata sull’alimentazione e che racconta capitoli centrali della storia del cibo e del nostro costume attraverso un repertorio iconografico spesso raro o poco conosciuto. I materiali, tutti originali, esposti a Bratislava ci guidano in un percorso visuale di dodici storie che parlano di gusto, di vivere con amore la cucina, di comunicazione, di usi e di prodotti alimentari un tempo conosciuti solo in specifiche parti dell’Italia mentre adesso sono noti ed apprezzati anche all’estero.

Originale e inedita, l’esposizione muove ricordi, entra nella quotidianità con numerose curiosità e contemporaneamente esalta l’illustrazione pubblicitaria legata al cibo, cui hanno lavorato autori da riscoprire e firme invece celebri come quelle qui presenti di Leonetto Cappiello e Antonio Rubino. La mostra, dopo Bratislava, andrà a Sesto San Giovanni (Milano) dove verrà esposta, dal 21 al 24 novembre, al Festival della cucina “Far da mangiare”.