E’ uscita l’attesissima docu-serie che racchiude l’indimenticabile esperienza berlinese della terza edizione dello JÄGERMUSIC LAB 2019: dieci giorni intensi di Academy dove i nuovi talenti della musica elettronica si sono confrontati e sfidati per decretare il nuovo Music Meister italiano.

Ad accompagnare l’avvincente avventura dello JÄGERMUSIC LAB 2019 è stata Ludovica Frasca, la special guest di questa terza edizione il cui compito da super host è stato quello di raccontare le giornate dei 10 ragazzi. Grazie all’inedita docu-serie, Ludovica farà rivivere l’intero progetto grazie alle quattro puntate trasmesse da oggi sul sito di Jägermeister Italia e sul canale ufficiale di YouTube.

Il 25 giugno scorso Doansai, Makai, Boba, Valentini, DJLMP, Nickey, Shkedul, Corgiat, Kassie Afò e Plastica sono partiti per Berlino per partecipare alle lezioni tenute dagli insegnanti della MAT Academy – i Reloud – e con loro sono intervenuti docenti d’eccezione come Ilario Alicante, Saturnino, Ghemon, Luca Pretolesi, Frenetik & Orange, Luca Agnelli e Luca Pechino. 

I ragazzi hanno legato sin da subito diventando una vera squadra con la quale confrontarsi durante la preparazione della prova finale.  Le 10 giornate sono state intense e ricche di contenuti: alle ore di lezione, lo studio intrinseco del Sound of Berlin, si sono susseguiti emozionanti live in suggestive location, fungendo da veri e propri test al fine di creare un proprio brano e presentarlo all’esame finale.

Come ogni sfida che si rispetti, un solo talento ha avuto l’opportunità di essere scelto da una giuria di esperti – composta dai Reloud, gli ospiti e i giornalisti di DJ Mag Italia, Rolling Stone Italia, Vice Italia e M2o – e diventare così il nuovo Music Meister 2019.

E’ il nome di CORGIAT, il torinese Giovanni Corgiat, a conquistare la commissione con le sue abilità tecniche e con il brano “Gläserner Himmel 100789”.  Una sfida fino all’ultimo beat con i colleghi – e amici – Doansai e Valentini, gli altri due finalisti dell’edizione dello JÄGERMUSIC LAB.

Inoltre, 5 premi di prestigio sono stati assegnati per lodare le qualità artistiche di alcuni partecipanti:

Best Mix Engineer – Valentini; Best Arrangement – Doansai; Best Grand Prix – Makai; Best Sound Design – Corgiat; Best Track – Corgiat.

Il percorso di CORGIAT inizia ora, con la possibilità di ottenere un contratto di booking con Reflex Booking, un contratto discografico con una delle etichette partner (Etruria Beat Records, l’etichetta techno di Luca Agnelli; Asian Fake, l’etichetta di riferimento del panorama indie-urban italiano di artisti come Coma_Cose, Frenetik&Orang3, Venerus, Sxrrxwland; e la neo-nata di casa Mat Academy, Waveskin Records), uno shooting del suo primo video clip, l’opportunità di creare una sua versione di un disco di uno dei big del network JÄGERMUSIC LAB e, come per  le edizioni precedenti, verrà inserito nelle line up dei migliori festival italiani presieduti da Jägermeister in Italia.

Ma le novità non sono ancora finite. Per la prima volta tutti i brani inediti, prodotti dai 10 Music Meister durante l’Academy di Berlino sono stati racchiusi in un album “The Sound of Berlin” e da ora disponibili su Spotify, Apple Music, iTunes, Google Play, Pandora, Deezer, Tidal, Beatport, Traxsource e altre 100 piattaforme. La raccolta spazia da beat synth pop alla techno, passando per il trip-hop e l’house: un viaggio sonoro unico che riporta il sound of Berlin nelle sue mille sfumature, attraverso l’arte e gli occhi dei migliori nuovi artisti della scena elettronica italiana come frutto e risultato del progetto JÄGERMUSIC LAB 2019.

Ancora una volta Jägermeister si conferma come istituzione nel mondo della musica elettronica, in grado di intuire i bisogni del mercato e creare nuovi trend, votati alla qualità della musica e del divertimento, per permettere al fermento musicale italiano di avere una voce fresca, visionaria, chiara e distinta.

Le 4 puntate della docu-serie dello JÄGERMUSIC LAB sono visibili al seguente link:

https://www.youtube.com/user/JagerMusicShot/videos