Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, GDO, Horeca, delivery & comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

Food Affairs

La Perla di Torino lancia il suo primo Tartufo Bar da Eataly Lingotto, format innovativo, pensato per essere replicabile nei canali retail

La Perla di Torino, realtà d’eccellenza all’ombra della Mole, disegna e lancia il format Tartufo Bar, un nuovo concept corner dedicato agli amanti del cioccolato artigianale che sintetizza in un unico luogo esperienza di degustazione e fase di acquisto.
Uno spazio elegante e contemporaneo ideato per regalare una dimensione esperienziale sempre più coinvolgente e personalizzabile al cliente finale, in linea con le nuove esigenze e richieste del mercato. Infatti al Tartufo Bar è possibile fermarsi a gustare il proprio tartufo di cioccolato preferito o acquistare una confezione regalo componendola al momento attraverso la selezione delle diverse declinazioni esposte in una teca di vetro, come in una pasticceria di classe.

Come trampolino di lancio per la nuova avventura il luogo prescelto è Eataly Torino, da sempre in prima linea nella sperimentazione di formule inedite dedicate alla vendita e alla ristorazione, dove sarà attivo il primo Temporary Tartufo Bar a partire dall’11 marzo fino al 7 aprile, ma l’idea è quella di esportare il format e renderlo replicabile all’interno del canale retail sia in punti vendita tradizionali che nelle moderne food hall, che rappresentano un nuovo modo concetto di fare la spesa capace di unire il food shopping di prodotti di eccellenza alla possibilità di consumare direttamente in loco.

“L’idea del format Tartufo Bar nasce dalla volontà di dare forma a un concept nuovo, in grado di sintetizzare la filosofia del nostro brand, fatto di anima artigianale e attitude contemporanea, creando al contempo uno spazio innovativo dedicato alla degustazione e all’acquisto in linea con i format più moderni a livello internazionale.” racconta Valentina Arzilli, Direttore Marketing dell’azienda La Perla di Torino. “Per realizzarlo ci siamo ispirati al banco di una pasticceria: un raffinato piano in marmo e una teca di vetro trasparente per valorizzare i nostri tartufi, esposti come piccoli gioielli gourmand che il cliente può vedere, scegliere e gustare.”

-
-

Altri articoli

FOOD E MEDIA

Gli chef Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli hanno selezionato i 20 componenti ufficiali della Masterclass, concorrenti per il titolo di MasterChef Italia....

COMUNICAZIONE FOOD

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

COMUNICAZIONE FOOD

Occhi color cielo, sorriso che conquista e un percorso ricco di successi nel mondo della cucina: è il primo identikit della splendida figlia (acquisita)...

COMUNICAZIONE FOOD

All’infuriare delle polemiche su Renatino che, nello spot del Parmigiano Reggiano, è felice di non avere una vita e lavorare 365 giorni l’anno, l’attore...

-