Un gennaio ricco di impegni attende Caffè Motta con la partecipazione a due fiere consecutive. Oltre alla consueta presenza a Marca 2020, la rassegna fieristica bolognese dedicata alla Marca Commerciale nella distribuzione moderna, Caffè Motta prolunga la sua esperienza fieristica
partecipando anche a Sigep, Salone Internazionale di Gelateria, Pasticceria, Panificazione Artigianali e Caffè giunto alla sua 41° edizione.
L’azienda inizia il nuovo ventennio con un’immagine rinnovata dal recente restyling e rinforzata dall’apertura, avvenuta lo scorso febbraio, del nuovo stabilimento salernitano: 12.000 metri quadrati coperti, di cui 4.500 di superficie torrefazione e 7.500 dedicati alla logistica, con una capacità oraria pari a cinque volte quella precedente e una produzione totale annua di circa 18.000 tonnellate.

Questa espansione è stata progettata con l’intento di soddisfare sempre più clienti interessati ad un caffè di alta qualità per il bar, la casa e l’ufficio. L’azienda, infatti, compare tra le prime dieci aziende del mercato moderno italiano, in particolare attraverso il monoporzionato (in cialde e in capsule) e il chilo in grani.


“La cura nella scelta delle materie prime e del metodo di produzione è da sempre alla base della nostra filosofia aziendale, comprovata da processi produttivi che hanno ottenuto certificazioni di qualità a livello
internazionale, a garanzia di un prodotto industriale che conserva inalterate tutte le caratteristiche qualitative della migliore tradizione italiana” – dichiara Nicola Mastromartino, Amministratore Unico Caffè
Motta s.p.a. – “il piacere del nostro caffè, grazie all’ampliamento recentemente apportato, è pronto a diffondersi nelle case, negli uffici e nei bar di fiducia degli italiani con una forza ancora maggiore”