È stato consegnato ieri, domenica 8 dicembre, il riconoscimento istituito da Aset -Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana – per ricordare l’amico e collega Kyle Phillips, scomparso prematuramente nel 2013. La targa di riconoscimento è stata consegnata nell’ambito di ‘Enogastronomica’ in programma nel week end alla Fortezza da Basso.

Il Premio è stato assegnato a Giovanni Angelucci giornalista freelance nato in Abruzzo.

 Iscritto all’Ordine dei Giornalisti, è sommelier AIS (Associazione Italiana Sommelier) e SSA (Sake Sommelier Association), ma soprattutto è un gastronomo che ha imparato il valore del cibo e ha già viaggiato attraverso l’Europa intera, gli Stati Uniti, l’America del Sud e l’Asia.

Abituato a viaggiare costantemente attorno al mondo è specializzato nella cucina (e non solo) dell’America Latina che ha esplorato nella sua quasi totalità. Oggi vive a Milano, o meglio qui fa base, collabora con le guide di ristoranti e vini, e lavora per alcuni dei quotidiani e delle riviste più autorevoli del settore tra cui Gambero Rosso, La Stampa, Gazza Golosa della Gazzetta dello Sport, Dove, Il Giornale del Cibo, Italia a Tavola, Cucina Italiana e Vanity Fair. Predilige il reportage enogastronomico

 (ha pubblicato anche sul Sole24Ore, Fine Dining Lovers, ideato il format Il Mondo è Piatto per il Tgcom24, è stato tra gli speaker del TEDx Pescara) e alla base della sua esistenza c’è il viaggio, indispensabile per una vita felice. Attualmente sta lavorando al suo più grande sogno, la realizzazione di un format televisivo che dia voce e immagini ai reportage che compie attorno al mondo.

 A consegnare il riconoscimento il Presidente di Aset Leonardo Tozzi, il Direttore di Confesercenti Firenze , Alberto Marini e Elisabetta Alti Phillips.

Il premio, a cadenza annuale e giunto alla sesta edizione, è destinato al giovane giornalista di settore che meglio abbia rappresentato il modo di fare informazione a 360° che fu di Kyle Phillips: assoluta mancanza di pregiudizi, curiosità professionale, serenità di giudizio, voglia di esplorare, franchezza, brillantezza nello scrivere e sobrietà nel comportamento.