Negli ultimi decenni le aziende sono state testimoni di una crescente complessità, di importanti cambiamenti riguardanti il contesto economico e sociale, trovandosi a sperimentare una serie di sfide interne che ne hanno ostacolato il successo. Esse riguardano aspetti come l’eccessiva burocrazia, la proliferazione di sistemi e processi creati per aumentare il controllo, la focalizzazione a breve termine, la mentalità a compartimenti stagni e molto altro. Elementi che hanno un impatto sul modo in cui le persone lavorano, collaborano, raggiungono i loro obiettivi, influenzando così anche la performance organizzativa e la capacità di innovare e cambiare. Queste sfide, comuni a molte aziende di qualunque dimensione e latitudine, tendono ad essere affrontate in modo simile: mettendo in atto soluzioni tecniche anziché sfidando l’intero paradigma alla base della struttura organizzativa gerarchica.

Grazie alla consolidata esperienza come partner di grandi organizzazioni nell’implementazione di programmi di cambiamento, nel 2018 Asterys, azienda di consulenza e sviluppo organizzativo, ha lanciato AEquacy, un design organizzativo senza supervisori e manager che trasforma l’impostazione tradizionale delle aziende, ripensandola a partire dalla persona e dalle sue potenzialità. Basato su una struttura radiale e paritaria di team auto-organizzanti, AEquacy permette di superare i limiti gerarchici che rendono complesse e inefficienti le imprese e insoddisfatti i dipendenti, aprendo la strada a una maggiore innovazione, collaborazione e performance.

Un sistema di innovazione continuo
Alcuni degli elementi alla base del framework di AEquacy sono stati adottati dal Team HR di Nespresso Italiana, promuovendo un ambiente basato su modalità lavorative più agili ed efficaci.

Fondata nel 1986, sin dal suo ingresso nel mercato come pioniere nel segmento del caffè porzionato Nespresso ha puntato sulla costante innovazione per offrire ai consumatori di tutto il mondo la miglior qualità di caffè possibile e un nuovo modo di vivere l’esperienza del caffè grazie al suo sistema. Un’esperienza che, in ogni istante, persegue l’obiettivo del brand: to make feel people unique and special.

Nespresso è presente in Italia dal 1999, quando a San Babila, a Milano, è stata inaugurata la prima Boutique del brand. Oggi l’azienda è una realtà di successo nel Paese e conta 874 dipendenti – di cui il 63% è composto da donne – e 74 Boutique dislocate nelle principali città italiane.

L’attitudine all’innovazione e l’inclinazione ad accogliere il cambiamento, nel 2018 hanno portato il team HR di Nespresso, che aveva già raggiunto un buon livello di performance, ad avvicinarsi ad AEquacy per migliorare ulteriormente la collaborazione tra i membri del team, accrescendo i livelli di autonomia e le responsabilità dei singoli. L’obiettivo di questa transizione non era di implementare il modello AEquacy nella sua interezza, quanto piuttosto di adottarne alcuni principi, sapendo che l’area HR avrebbe poi continuato ad operare all’interno di un sistema organizzativo più ampio, quello allargato di Nespresso, in cui le regole preesistenti non erano suscettibili di essere completamente cambiate.