Sannio Falanghina, Capitale europea del Vino 2019, celebra in anteprima la decima edizione della Giornata europea dell’Enoturismo.
Una iniziativa ambiziosa, in programma a Telese Terme (BN) sabato 9 novembre alle ore 10, che si propone di valorizzare e promuovere il Sannio ma anche di stimolare il turismo del vino, dal punto di vista economico e sociale.
La Giornata europea dell’Enoturismo, ideata nel 2009 da Recevin – la rete delle 800 Città del Vino presenti in 11 Paesi europei – è promossa da tutte le associazioni nazionali che, domenica 10 novembre, dedicheranno incontri, degustazioni in cantina ed attività culturali, con l’obiettivo di sensibilizzare i turisti e valorizzare i territori vitivinicoli.

Per l’edizione 2019, dunque, sono oltre 60 gli eventi che coinvolgono Portogallo, Spagna, Francia ed Italia, con visite nei luoghi del vino. E non solo.
Recevin ha contribuito ad allargare la manifestazione oltre i confini europei con iniziative previste anche negli Stati Uniti, Argentina ed Uruguay.
In Italia – insieme al distretto del vino sannita, che comprende 27 Comuni della provincia di Benevento, a Pratola Serra (Avellino) e a Terzigno (Napoli) – sono coinvolte anche Città del Vino in Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia e Molise.
Sabato 9 novembre, nella suggestiva cornice del Parco delle Terme (Sala Goccioloni), interverranno a Telese Terme: Floriano Zambon, presidente Associazione nazionale Città del Vino; Pasquale Carofano, sindaco di Telese Terme; Floriano Panza, sindaco di Guardia Sanframondi e coordinatore di Sannio Falanghina; Giampietro Roviezzo, sindaco di Bonea; Giuseppe Festa, coordinatore Osservatorio Enoturistico “Città del Vino”.
Nel corso della mattinata, sarà consegnata anche la bandiera di Città del Vino al Comune di Telese.