0BY REDAZIONE ON LUG 17, 2019DOUJA 2019

Il 47° Concorso Enologico Nazionale “Premio Douja d’Or” dell’Azienda speciale della Camera di commercio di Asti, inserito nell’ambito dell’omonima manifestazione giunta alla sua 53ª edizione, presenta anche quest’anno una selezione di etichette di alto profilo, sia in termini qualitativi che di rappresentatività e partecipazione, ponendosi a livello nazionale come esempio virtuoso di valorizzazione e promozione della cultura enologica italiana.

Anche quest’anno i risultati del 47° Concorso Enologico Nazionale ‘Premio Douja d’Or’ confermano la vocazione della Camera di commercio di Asti alla valorizzazione e alla promozione del settore vitivinicolo. Le etichette premiate saranno nostri ambasciatori in tutto il mondo, porteranno le eccellenze del made in Italy oltre i confini nazionali e permetteranno alle nostre aziende di crescere e aprirsi all’internazionalizzazione.Asti conferma la sua attenzione e vocazione alle iniziative concrete per l’economia del territorio, grazie alla fattiva collaborazione tra i numerosi partner istituzionali, proponendosi come fulcro per i temi legati alla promozione dei prodotti, del turismo e della cultura all’interno del territorio Unesco” ha commentato Erminio Renato GoriaPresidente della Camera di commercio di Asti

Confermate le modalità di organizzazione e la severa selezione del Concorso, affidate quest’anno all’Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori di vino), all’Ais Asti (Associazione italiana sommelier) eall’Aspi (Associazione della Sommellerie Professionale Italiana) che prevedono il raggiungimento di un punteggio minimo in degustazione di 87 centesimi, il raggiungimento o il superamento dei 92 centesimi per l’aggiudicazione dell’Oscar Douja d’Or e una percentuale di premiazione finale mai superiore al 35% del totale.

Questa edizione del Concorso enologico nazionale “Premio Douja d’Or 2018” ha voluto però allargare il proprio punto di vista, aprendo anche ad altre figure professionali la possibilità di esprimere il proprio giudizio in sede di commissione. Con l’obiettivo, quindi, di offrire al pubblico prodotti sempre più fruibili (pensandoli in abbinamento anche ai piatti) e valutazioni non solo basate su aspetti prettamente organolettici, oltre che di mostrare come è costruito e organizzato il Premio, quest’anno erano presenti nella commissione per gli Oscar anche tre giornalisti di settore: Paolo Massobrio, curatore della guida IlGolosarioe Alessio Turazza, collaboratore del Gambero Rosso).

Coinvolta nelle degustazioni di quest’anno, grazie alla collaborazione con la sede Onav in Cina, anche Wang Lu, una delle prime assaggiatrici asiatiche della Douja d’Or: a lei e alla sua esperienza astigiana la CCTV 4 (il canale internazionale in lingua cinese della rete televisiva cinese CCTV) ha dedicato un lungo servizio tv volto alla valorizzazione del Premio e del vino, vero ambasciatore del made in italy nel mondo.

Tutti i numeri di questo 47° Concorso

  • 786 i vini presentati in concorso per un totale di 288 aziende presenti, provenienti da tutte le regioni italiane.
  • 268 i vini premiatirappresentativi di 164 aziende.
  • Rigorosa la selezione operata, con soli 29 vini meritevoli dell’Oscar Douja d’Or.
  • Deteminante per partecipazione e risultati il ruolo del territorio e dei produttori piemontesi: 363 vini presentati e ben 109 quelli premiati. Seguono a distanza la Sicilia con 18 vini premiati su 27 presentati e il Veneto con 17 vini premiati su 65 presentati.
RegioneN. vini premiati
Piemonte109
Sicilia18
Veneto17
Lombardia16
Liguria15
Sardegna14
Basilicata12
Provincia autonoma Trento11
Campania10
Puglia7
Toscana7
Calabria6
Emilia Romagna5
Provincia autonoma Bolzano5
Regione autonoma Valle d’Aosta4
Friuli Venezia Giulia3
Molise3
Lazio2
Marche2
Abruzzo1
Umbria1
Totale268

Sul podio delle province piemontesi, Asti con 52 etichette premiate, seguita da Cuneo con 40 e da Alessandria con 11. Seguono Torino e Novara con 3 etichette premiate. In questo contesto confermata l’attribuzione delle “menzioni speciali” alle imprese della provincia di Asti i cui vini Doc e Docg hanno ottenuto le valutazioni più elevate.

ProvinciaN. vini premiati
Asti52
Alessandria11
Biella0
Cuneo40
Novara3
Torino3
Verbania0
Vercelli0
Totale Piemonte109

Alcune anticipazioni sul 53° Salone nazionale Douja d’Or 2019 e sul 46° Festival delle Sagre astigiane

La manifestazione, organizzata dalla Camera di commercio di Asti, attraverso la sua Azienda speciale per la promozione e la regolazione del mercato,si terrà dal 6 al 15 settembre 2019 ad Asti, in collaborazione con numerosi partner pubblici. La “cittadella della Douja” sarà in grado di accogliere i visitatori in tutto il centro storico, confermando la volontà di includendere tutto il tessuto urbano e sociale locale, che aprirà piazze e vie cittadine ad un connubio ideale tra dimensione produttiva, offerta culturale e presenza turistica.

Novità del 2019 la presenza delle associazioni di categoria Coldiretti, Cia e Confagricoltura in piazza Roma: a loro il compito di proporre in degustazioni piattini di prodotti tipici, insieme al mercatino dei prodotti d’eccellenza “Asti fa goal”.

Confermata, invece, come l’anno scorso la presenza in piazza San Secondo di Piemonte Land e del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato a Palazzo Alfieri. Il 15 settembre si terrà la premiazione dell’Alambicco d’Oro giunto alla sua 36° edizione, mentre durante tutta la manifestazione si potranno degustare vermouthliquori e grappe a Palazzo Ottolenghi grazie alla collaborazione con l’Unione Industriale della provincia di Asti.

Il 46° Festival delle Sagre astigiane si terrà il 7 e 8 settembre in piazza Campo del Palio.