Musica, artisti e un folto pubblico pronto ad assistere alle numerose esibizioni organizzate da Umbria Jazz, tutto all’insegna della sostenibilità che, quest’anno, è insieme alla musica la protagonista dell’evento. Tra gli artefici di questa fondamentale missione non poteva mancare Regusto, app e piattaforma per il food sharing 100% made in Umbria, che poco più di un mese fa è stata lanciata a Roma e che ora arriva a Perugia, in occasione del più importante festival del jazz italiano, di scena dal 12 al 21 luglio.

L’app Regusto consente di acquistare piatti da asporto in eccedenza con offerte a prezzo scontato, mettendo in rete ristoratori e consumatori: per i primi l’app è un canale di vendita per il cibo che altrimenti andrebbe buttato e per i secondi è un utile strumento per mangiare a prezzi scontati e contribuire alla lotta allo spreco alimentare.

L’app Regusto è molto semplice da usare: una volta installata, grazie alle tecnologie di geo-localizzazione e alle interazioni rese possibili dall’uso dei dispositivi mobile in prossimità di locali e ristoranti, l’utente riceve in tempo reale le segnalazioni dei cibi in offerta. Dopo avere fatto l’ordine, sceglie l’orario in cui ritirare le pietanze acquistate e riceve la propria Regusto Bag, contenitore eco-sostenibile in polpa di cellulosa per l’asporto dei cibi pronti, realizzato in partnership con Minimo Impatto.

Grazie alla convenzione con Fipe Umbria e alla collaborazione con Federalberghi, sono già più di trenta i ristoranti, le pizzerie, le paninerie gourmet, i caffè, le gastronomie e le rosticcerie del centro di Perugia che hanno aderito al progetto per prevenire e ridurre lo spreco alimentare: dal ristorante Il Moderno a Nadir, da Fresssco al ristorante Regina, da Alice Pizza a La Pasteria, da Pizza a Cono al ristorante Cammino Garibaldi. Regusto è anche al ristorante I Mattarelli, al sushi bar & fusion restaurant Crudo, alla pizzeria Reginella, al ristorante Dalla Bianca e in tanti altri locali.

In occasione di Umbria Jazz 2019, inoltre, grazie all’impegno di Regusto a supporto del non profit, ogni giorno gli alimenti che non saranno consumati al buffet del ristorante dell’hotel La Rosetta – locale simbolo dell’evento e luogo di ritrovo degli artisti e degli organizzatori del festival – saranno devoluti e recuperati dalla Caritas diocesana di Perugia-Città della Pieve, impegnata da sempre a dare risposte concrete a chi vive in condizione di insicurezza alimentare.

E ancora, nei locali e nei ristoranti convenzionati saranno disponibili 500 Regusto Bag, fornite in dotazione gratuita grazie al progetto pilota contro lo spreco alimentare i-Rexfo, promosso e coordinato dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia con il supporto di Confcommercio e co-finanziato dal programma per l’ambiente dell’Unione Europea LIFE (LIFE 16 ENV/IT/000547). In più duemila Regusto Bag saranno fornite da Regusto alla ristorazione dell’arena Santa Giuliana, dove si terranno i concerti più importanti.

L’app di Regusto è stata realizzata in collaborazione con NearIT, specializzata in pianificazione e sviluppo di soluzioni tecnologiche di marketing di prossimità ed è stata presentata al Tuttofood 2019, fiera internazionale organizzata a Milano.

“Siamo molto emozionati e orgogliosi di contribuire allo sviluppo dei progetti per la sostenibilità di Umbria Jazz – ha dichiarato Paolo Rellini, Co-founder di Regusto – perché Perugia è la nostra città e poter essere gli ambasciatori della lotta allo spreco alimentare durante un evento così importante ci riempie di orgoglio. Umbria Jazz raccoglie a Perugia tantissime persone, oltre 400mila ogni anno, l’attività ristorativa nei giorni dell’evento è enorme e Regusto non poteva mancare per contribuire concretamente al recupero del cibo”.