Il cibo di strada italiano continua a stregare i francesi. Ancora una grande risposta infatti da Cagnes-Sur-Mer e dai comuni di confine italiano in Costa Azzurra per il grande evento promosso fino al 23 giugno dall’
associazione italiana Streetfood , in collaborazione con il Comune di Cagnes e con il patrocinio del Consolato Italiano a Nizza, in una grande occasione per far conoscere ancora di più il messaggio portato avanti dall’associazione nata in Italia e per un alto potenziale di lavoro per i partecipanti dato l’alto afflusso di turisti in Costa Azzurra nella stagione primavera-estate. L’evento si svolge in Place Saint Pierre che si trova lungo la promenade del litorale. Sostegno, presenza e compartecipazione del comune e delle istituzioni di prestigio coinvolte hanno garantito ancora una volta, per la seconda per la precisione, la presenza di alcuni truck e stand a marchio Streetfood, quello con la tendina che da oltre dieci anni ha rivoluzionato in Italia il modo di percepire la tradizione del cibo di strada. Il taglio del nastro è avvenuto sabato 22 giugno alla presenza del presidente e fondatore di Streetfood, Massimiliano Ricciarini e del Console italiano a Nizza, Raffaele De Benedictis e dell’Ambasciatore italiano a Montecarlo, Cristiano Gallo.

Partendo proprio dalla provincia di Arezzo per poi diffonderla in tutta Italia come progetto culturale, oggi con il successo Oltralpe con grande soddisfazione del pubblico francese e Italo-francese si può dire che l’associazione nata proprio ad Arezzo ha cambiato il modo di promuovere il territorio attraverso i suoi cibi di strada. «È un piacere essere sostenuti e graditi all’estero da istituzioni così importanti e avere riscontri positivi soprattutto per quelle attività artigianali italiane che ci hanno creduto con noi e proseguiranno con noi nell’impresa di portare all’estero la cultura italiana della cucina di strada di qualità – commenta il presidente e fondatore di Streetfood, Massimiliano Ricciarini – siamo già al secondo anno di collaborazione e già lo scorso anno eravamo stati protagonisti per la festa della Repubblica nella cittadina di Beausoleil, il fatto che continuino a cercare noi per organizzare questo evento esprime la garanzia del nostro marchio».

Per la seconda volta in due anni l’Associazione Nazionale Streetfood, nata ad Arezzo undici anni fa con l’obiettivo di promuovere la qualità dei cibi di strada nazionali e non solo, è stata scelta da Cagnes Sur Mer, un comune della Regione Alpi Marittime-Provenza-Costa Azzurra per portare i cibi di strada con la tendina. «Oltralpe la cucina italiana gode ancora di molta attenzione e interesse ed è questa una delle direzioni che l’Associazione Streetfood intende seguire nell’ottica della diversificazione e crescita del progetto Streetfood, che resta di fatto sempre un progetto culturale», conclude Ricciarini.

Gli ineguagliabili numeri di Streetfood. Oggi, dopo undici anni di attività, l’Associazione può vantare numeri importanti per il settore. A partire dagli eventi che negli anni hanno toccato oltre 120 città italiane, portando in degustazione centinaia di cibi di strada italiani e non solo, raggiungendo, si stimano, circa 6,5 milioni di appassionati negli oltre 430 eventi messi in piedi. A questi eventi vanno aggiunti, oltre alla somministrazione di cibi “certificati”, anche attività culturali collaterali, come le visite guidate ai centri storici delle città che hanno ospitato i cosiddetti “Streetfood Village”, ma anche convegni, seminari e master di approfondimento. Oltre a questo sono decine le tesi di laurea alla quali l’associazione ha contribuito, centinaia i professionisti aiutati a entrare in questo settore partendo da zero.