In occasione di San Valentino, la cantina L’’Astemia Pentita celebra l’amore in tutte le sue forme, proponendo le sinuose e iconiche bottiglie Uomo e Donna, quale cadeau ideale per festeggiare il giorno più romantico dell’anno. In linea con l’animo pop che contraddistingue il visionario progetto de L’’Astemia Pentita, le bottiglie sono veri e propri elementi di design da collezione: le loro forme evocano l’elegante silhouette di gentiluomini e dame. Sono state pensate come metafora del lato “maschile” e “femminile” del vino: due mondi paralleli, profondamente interconnessi e imprescindibili come lo Yin e lo Yang, che si completano a vicenda.

Con lo speciale design delle bottiglie Uomo e Donna, la cantina propone per l’amore energico e vivace, il VINO ROSSO DINAMICO LIMITED EDITION: realizzate grazie a una particolare tecnica decorativa, le cui bottiglie diventano delle vere e proprie opere d’arte. Insieme al VINO ROSSO DINAMICO, i due rossi “di mestiere” fondono nel bicchiere le diverse anime dei vitigni di provenienza.

Per chi nell’amore ricerca l’equilibrio e l’armonia, il vino ideale è il VINO BIANCO ARMONICO, che grazie alle sue note fresche e concrete regala intensità nell’olfatto e nel gusto.

Il VINO ROSATO ADORABILE, dal gusto intenso e persistente, è il regalo ideale per gli animi più romantici.

Le bottiglie de L’’Astemia Pentita, nelle loro forme maschile e femminile, sono “un omaggio alle persone”, come afferma l’imprenditrice Sandra Vezza, che oltre all’amore ha voluto rendere omaggio anche a tutti gli uomini e le donne che con impegno costante e passione lavorano per ottenere i vini che rappresentano l’eccellenza delle Langhe.

Nel territorio di Barolo, sulla collina dei Cannubi, dove il crinale che ospita i vigneti più preziosi delle Langhe inizia a salire verso il centro del paese, sorge la scultorea cantina dall’anima pop de L’’Astemia Pentita, fondata dall’eclettica e visionaria imprenditrice piemontese Sandra Vezza, che ha fin da subito desiderato una cantina innovativa e diversa la cui architettura fosse unica al mondo.

Tutto è stato studiato nei minimi dettagli dalla stessa Sandra Vezza, con un’attenzione particolare al processo produttivo del vino, così come alla cura del design degli interni fino alla scelta degli arredi, di cui alcuni progettati dalla stessa imprenditrice.

Tradizione e audacia si contrappongono – idealmente e fisicamente – fondendosi, in tutto il progetto. Infatti, alla pavimentazione che evoca la natura e la tradizione, si contrappongono i soffitti della cantina che presentano grandi dipinti murali, realizzati da artisti locali, dall’estetica pop e surrealista, che creano nel visitatore l’illusione di essere realmente all’interno di una cassa di vino nel momento in cui una mano sta estraendo una bottiglia.