Quest’anno si festeggia il 157° anniversario della nascita dell’azienda Bacardi, attualmente il primo Gruppo a livello mondiale di proprietà famigliare nel settore delle bevande alcoliche. Tutti i dipendenti del Gruppo, a partire dal 4 febbraio e per qualche giorno a seguire, inseriranno l’Out of Office per recarsi presso alcuni locali delle loro città e dar vita all’annuale celebrazione del Founders’ Day, denominata “Back to the Bar”.
Più di 7.000 dipendenti nel mondo si riverseranno in più di 1.000 bar dislocati nelle principali città per rivivere lo spirito originario dell’azienda nato davanti e dietro il bancone. “Back to the Bar”, alla sua seconda edizione, è diventata un’iniziativa significativa per BACARDI fondata nel 1862 a Cuba e oggi presente in 170 paesi.
Per quanto riguarda l’azienda italiana facente capo al Gruppo Bacardi, la Martini & Rossi, quest’anno l’anniversario sarà celebrato sabato 9 febbraio, per dar modo a quanti più dipendenti possibili di partecipare agevolmente all’iniziativa, che si terrà in tre locali di punta della “movida” torinese: D-One (Via Giuseppe Baretti, 15), lo Shore (Piazza Emanuele Filiberto, 10) e il Blanco (Piazza Vittorio Veneto, 21). Dalle ore 20, i dipendenti che avranno aderito, proporranno ai consumatori, attraverso un simpatico gioco, la scelta tra alcuni dei nostri signature cocktails, raccontandone loro sia la storia che le caratteristiche organolettiche e le modalità di preparazione.
“L’operazione “Back to the Bar” si basa sulla convinzione che i nostri brand si costruiscono nei bar e non nelle sale riunioni. In occasione delle celebrazioni del 157° anniversario di Bacardi, è importante ricongiungerci con le nostre radici, pensare con la mentalità dei Fondatori e sperimentare di persona quanto il nostro business, i bar e i consumatori stiano cambiando.” ha affermato Mahesh Madhavan, CEO di Bacardi Limited. “Per i dipendenti Bacardi, visitare i bar è un lavoro, oltre che un piacere, perché è in queste occasioni che hanno l’opportunità di toccare con mano ciò che avviene sul campo, diventando così sia venditori sia influencer.”
L’iniziativa “Back to the Bar” diventa sempre più social
Per generazioni, la famiglia Bacardí ha incoraggiato i propri dipendenti a pensare come venditori, con l’obiettivo di far loro influenzare il business. Oggi, in un’era digitale, la capacità di influenzare acquista una nuova connotazione. Il “Back to the Bar” ha dunque, tra i propri obiettivi, quello di trasformare i dipendenti in Insta-influencers. Lo scopo è quello di ottenere più di 5,000 post unici con l’hashtag #BacktotheBar.

Lavorando dietro il bancone nella giornata “Back to the Bar”, i dipendenti BACARDI, potranno ascoltare direttamente le richieste dei consumatori e conoscere personalmente i trend più attuali nel business dei drink, quali “bere meno, ma meglio”, “cocktail artigianali instagrammabili” e “analcolico/bassa gradazione è il nuovo must”. Sono queste le tendenze che sempre più nascono dai Millennial – soprannominati la generazione “shaken and stirred” (shakerata e mixata) – in prima linea nel dar vita ad una nuova Età dell’Oro dei cocktail.

“La “cocktail revolution” è in continua espansione: sono molte le persone provenienti da località diverse che consumano generi di bevande alcoliche molto più variegati rispetto al passato, mentre bar e bartender sono i primi a sperimentare le nuove tendenze” ha affermato Jacob Briars, Bacardi Global Advocacy Director. “Oltre a trascorrere del tempo insieme ai consumatori, “Back to the Bar” è per noi l’occasione di ringraziare i bar e i ristoranti che ci seguono, così come il mondo dei bartender. Sono loro che, in prima linea, riescono a trasmetterci le novità ed essere precursori di ciò che si realizzerà a breve nel nostro business.